Il ritmo biologico

 orologiobiologico

L’essere umano si sta allontanando sempre più dal suo naturale ritmo di vita. A livello tecnologico negli ultimi cinquant’anni ci siamo evoluti così tanto rispetto ai secoli precedenti, tanto che il nostro sistema biologico non è stato al passo di questa continua crescita esponenziale. Le nuove invenzioni digitali, gli smartphone, internet, la rete e

 

Il programma delle giornate non è più stabilito dall’alternanza del giorno e della notte, dal ritmo imposto dal sole o da quello determinato dal cambio delle stagioni, ma è strutturato da una serie di obblighi e di compiti impellenti, ai quali adattare di giorno in giorno la quotidianità.

 

Un tempo ci si orientava seguendo il ritmo e il cadenzare delle stelle, ora Google Maps indica ad ognuno il posto che vuole raggiungere: i tempi della vita si sono compressi come una dose di ipervitaminico chimico che il nostro corpo non è in grado neanche di assorbire e assimilare completamente; a tutto ciò il nostro sistema non si è adeguato, egli ha i suoi ritmi biologici vitali che gli permettono di vivere bene.

 

Ora non importa se a livello lavorativo o privato, se di giorno o di notte: bisogna sempre essere raggiungibili, disponibili ed efficienti in qualsiasi momento, e possibilmente mettersi subito in moto, e di corsa!

 

Non c’è nulla come la lentezza per portare gli altri sull’orlo di una crisi di nervi!

 

Ormai sono pochi i momenti in cui ci si può riposare e riprendere fiato, è una continua rincorsa al fare per poter essere visti, per poter lavorare, per poter sopravvivere. E quando il nostro corpo non c’è la fa più e ci concediamo una pausa magari anche forzata da un malanno: ci assale il senso di colpa cronico, una sensazione di essere colpevoli perché ricaduti nella condizione di inattività e tutto questo finisce per annullare l’effetto rilassante.

 

Per questo la maggior parte delle persone si sentono in continuazione stressate, sotto pressione, hanno i nervi a fior di pelle e un bel giorno si trovano “esaurite”. Oppure sviluppano i tipici sintomi da “stress”, che in seguito verranno curati con i farmaci senza minimamente andare alla fonte del disagio e sulle cause effettive. Prima o poi la maggior parte di noi finisce per soffrire di disturbi ricorrenti del sonno, emicranie, di problemi gastro-intestinali o di perdita di energia, fino a provare sbalzi di umore di tipo depressivo. Sono segnali del nostro corpo che andrebbe proprio ascoltati e non repressi: ci indicano che dovremmo riprendere a prestare più ascolto al nostro corpo, al nostro orologio interno.

 

Ogni allontanamento dai processi ritmici della natura si ripercuote infatti sulla nostra salute e sul nostro benessere.

 

L’uomo è un elemento della Natura e come tale è soggetto a una costante trasformazione, a un’alternanza di fasi di attività e di quiete e a un’interazione dinamica degli opposti.

 

Se questo Equilibrio viene disturbato, l’intero sistema va fuori fase.

 

“Oggi gli Uomini sono diversi da un tempo, la vita è diversa e molto cambiata nell’arco di pochi decenni; sono schiavi delle proprie emozioni e delle preoccupazioni, sopraffatti dagli eventi esterni a loro stessi, non seguono più i ritmi naturali del loro corpo e della natura e diventano così più vulnerabili alle malattie e allo stato di disagio.”

Anche l’Uomo è immerso nei processi ritmici della Natura. La nostra vita viene di giorno in giorno determinata dal corso delle stagioni, dall’alternanza di sole e luna, di giorno e notte: siamo soggetti a un ritmo di 24 ore, a un ciclo energetico che ricomincia da capo ogni giorno, come la vita.

 

Siamo noi stessi i principali responsabili della nostra salute e della nostra felicità.

 

Proprio per questo il recupero delle pratiche antiche ci consente un cambio di rotta e un ritorno alla nostra natura essenziale. Solo riallineando la nostra vita quotidiana ai nostri naturali bisogni, vivendo in maniera consapevole e in armonia con il nostro orologio interno, potremo recuperare il bioritmo naturale, uno dei principali presupposti per un’esistenza all’insegna del benessere, della salute e della gioia.

 

Possiamo farlo attraverso questa pratica di centratura e benessere,

per un’esistenza all’insegna della salute e soprattutto della felicità.

Facebook Official Page

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Yoga Dinamico